Fino ad oggi le bacche di Goji venivano coltivate solamente in Cina, dove, dopo un processo di essiccazione o trasformazione in succo venivano e vengono tutt’ora confezionate e spredite in tutto il pianeta.
Le bacche di Goji disidratate o trasformate percorrono migliaia di chilometri degradando inevitabilmente le proprietà organolettiche che le caratterizzano
Non esiste nessun motivo affinchè la “bacca della vita” non possa essere coltivata sulle nostre terre, dove può crescere rigogliosa, sfruttando le temperature ad essa più adatte, tipiche della nostra penisola.

cartello-vendesi-2-b_1